Home > Partners > educatori cinofili > Pillola di galateo cinofilo nell’era dello smartphone

Pillola di galateo cinofilo nell’era dello smartphone

dog-parkNe parlo in prima persona e per esperienza personale, io adoro la tecnologia ed i social network,  mi fa piacere quando la tecnologia  mi viene incontro a soddisfare  delle particolari esigenze, ma ,come per la guida, l’utilizzo estensivo dello smartphone in qualsiasi momento della giornata deconcentra da quello che ho intorno.

Ora è la moda del selfie a 2, 4, 6,  n zampe.

Vorrei però sottolineare l’importanza di non usarlo in certe situazioni, ad esempio nell’area cani, per mille e uno motivi! Quando siamo con il cane mani entrambe libere ma soprattutto cervello sgombro per una corretta interazione con lui.

Mettiamo il caso di essere da soli in area cani io ed il mio amico a quattro zampe, ho avuto una giornata di lavoro pesante oltretutto senza vedere il mio cane, ed ora, che usciamo insieme, invece di cercare di relazionarmi con lui mi ipnotizzo davanti allo sbarluccichio del display mentre lui annusa ogni angolo con precisione chirurgica.

Momento domanda retorica. Mi chiedo, non  si potrebbero usare questi momenti insieme per aumentare la collaborazione e fare qualcosa che diverta tutti e due?  Certo che si! Ad esempio esplorare una panchina sia sotto che sopra o usarla come una passerella di agility, uno slalom tra i lampioni, usare il proprio corpo come ostacolo per insegnare al cane nuovi esercizi o semplicemente guardarsi negli occhi e intendersi, insomma liberando la fantasia per divertirci insieme! Nel caso in cui invece l’area cani si faccia affollata  (a parte che in questi casi non sempre ci entro.. anzi!) Occorre osservare tutto, il proprio cane e i cani degli altri, come occupano lo spazio, le loro posture, come hanno la coda, la velocità dei movimenti  etc etc oltre ovviamente a osservare gli altri proprietari, per evitare situazioni spiacevoli che potrebbero nascere tra cane-cane e cane-persona, un proprietario  potrebbe ad esempio tirare fuori dal cilindro  una pallina colorata o del cibo per il proprio cane scatenando contese per delle risorse magari tra cani con alte motivazioni competitive. Sforzarsi di non usare lo smartphone in questi momenti sarebbe utile quindi per garantire la sicurezza al nostro cane, per fare nuove conoscenze canine ed umane e chissà magari farsi nuove amicizie. La rete accorcia le distanze con le persone lontane ma può anche alzare dei muri con le persone vicine, è uno strumento potente e come tale va utilizzato con attenzione.

Mi è capitato di assistere ad uno spettacolo da parte di un’acrobata dello smartphone durante una passeggiata al guinzaglio con il cane, oltre che a non garantire una buona presa sul guinzaglio e oltretutto rischiando di rompere un aggeggino ben costoso (come del resto è avvenuto) si assiste ad un regalato inveimento di improperi verso il cane reo di aver tirato al guinzaglio per andare ad annusare un odore imperdibile.

Nel momento in cui il proprietario è assorto a guardare il piccolo schermo dello smartphone per il cane è interessante come quando guarda la tv, provate a farci caso 🙂

by CuordiCane – Diego Antoniotti                               cuordicane

Facebooktwittergoogle_plusmail

Potrebbe interessarti anche....

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *