Google+
 

Home / Leggi e Regolamenti Italia / A Roma con il cane: i regolamenti della città

 

vacanza roma caneCome molte città, anche Roma ha un Codice di comportamento dei proprietari dei cani che assicura a tutti una piacevole convivenza con i 4 zampe, vacanzieri e residenti.

I cani, dotati di guinzaglio e nel caso siano aggressivi di museruola, possono accedere accompagnati dal proprietario a tutte le aree pubbliche e di uso pubblico (anche giardini e parchi esclusi quelli dove è espressamente vietato previo parere vincolante del competente Ufficio per la tutela degli animali mediante apposita segnaletica che riporti l’indicazione dell’area verde accessibile ai cani più vicina).

Nei luoghi aperti dove non sono presenti persone e nelle aree appositamente attrezzate i cani possono essere condotti senza guinzaglio e senza museruola (ad esclusione di quelli di indole aggressiva che dovranno avere sia guinzaglio che museruola. La responsabilità di qualsiasi accadimento sarà del proprietario o del detentore).

I cani non hanno accesso aree destinate e attrezzate ad aree giochi per bambini e devono stare a 100 metri di distanza e non è permesso in queste aree ai cani di fare i loro bisogni.

Aree e percorsi destinati ai cani:  giardini, parchi e altre aree verdi sono individuati, autorizzati e realizzati, ove possibile, spazi destinati ai pelosi. Qui i 4 zampe potranno muoversi, correre e giocare liberamente senza guinzaglio e museruola, sotto la responsabilità degli accompagnatori, senza determinare danni alle strutture presenti.
Raccolta deiezioni: Meglio abituare i cani che andranno in vacanza a Roma qualche tempo prima, perchè qui devono essere condotti negli spazi di terra in prossimità di alberi, negli spazi verdi ed in prossimità degli scolatoi a margine dei marciapiedi. Sia nelle aree cani che per strada, i proprietari o i detentori sono tenuti alla raccolta delle feci emesse dai loro animali con attrezzatura idonea. Sono esentati i non vedenti accompagnati da cani guida e particolari categorie di portatori di handicap impossibilitati alla effettuazione della raccolta delle
feci.

Esiste anche una versione stampabile del Regolamento Comunale dei Diritti degli animali

Facebooktwittergoogle_plusmail
 
Share this page
 
 
 
Google+